Si riporta la parte centrale della nota di Ats Pavia in formato testuale.

Alla luce dell’ordinanza n 714 del Presidente della Regione Lombardia tutti i Comuni della Provincia di Pavia devono essere considerati uniformemente come zone a “moderato/alto” rischio di diffusione del virus SARS-Cov2 e delle sue varianti, pertanto non verrà più trasmessa la comunicazione ai Comuni interessati di essere entrati nella zona di “alert epidemiologico”.
L’ingresso in zona “arancione rafforzato” necessita inoltre, per contrastare la diffusione del virus e in accordo con le indicazioni nazionali e regionali, l’adozione da parte di ATS di modalità altrettanto “rafforzate” di individuazione e gestione dei contatti (“contact tracing”) e di test su tutto il territorio provinciale: i contatti di caso identificati verranno posti in isolamento per 14 giorni (in assenza di insorgenza di sintomi) e il termine della quarantena sarà dichiarato solo a fronte di un esito negativo di una ricerca molecolare del virus su tampone naso-faringeo effettuato non prima del quattordicesimo giorno di isolamento.
Ulteriori specifiche saranno comunicate da ATS ai pediatri di libera scelta e medici di medicina generale che dovranno continuare a garantire la sorveglianza clinica delle persone poste in quarantena.

Vai all'inizio della pagina